a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z #

Elettricità

25° anniversario delle Forze Motrici Brusio

25° anniversario delle Forze Motrici Brusio

Ritrovo in occasione dei 25 anni dalla costituzione della società idroelettrica Forze Motrici Brusio, 15 giugno 1929. Prima fila davanti, da sinistra, i figli del direttore della societa FMB: Lieselotte, Annemarie, Andreas e Markus Walter Rickenbach (a sua volta futuro direttore). Seconda fila, da sinistra: le signore Kiener, Fischer, fatio, Rickenbach, Oeri, Schmid, Trombini-Bottoni, Galezia Semadeni. Terza fila, da sinistra: i signori Bühlmann, Platz, Fimian, Carmen Fimian-Pozzi, i coniugi Christen, il sig. Dietler sen., il direttore Markus Rickenbach, Domenico Galezia, il signor Trombini, il presidente del consiglio d'amministrazione FMB Alfred Sarasin, il sig. Fatio, le signore Beti Lanfranchi e Emilia Iseppi. Quarta fila, da sinistra: i signori Rüegg, Morosani, Eugenio Gay, Ernesto Weidmann, Emilio Raschle, Hess, Fischer sen., Lusser, Kiener, Gaspare Galezia, ?. Quinta fila in alto, da sinistra: il signor Faust, Eugenio Olgiati, il signor Kollikor.
101186
Campocologno

Campocologno

Campocologno visto da sud: le prime case del paese e la centrale idroelettrica delle Forze Motrici Brusio a destra della strada cantonale. Praticamente ogni casa ospita un negozio di coloniali o un'osteria e birreria.

104943
Campocologno

Campocologno

Campocologno visto da sud, con la centrale idroelettrica delle Forze Motrici Brusio (ora Repower). Non c'è ancora la ferrovia, realizzata nel 1908, e nemmeno la chiesa, costruita nel 1913-14.

104945
Campocologno

Campocologno

Campocologno visto da sud. A sinistra la vecchia dogana svizzera e al centro la vecchia centrale della società idroelettrica Forze Motrici Brusio (ora Repower) con le sue condotte forzate sche scendono dal bacino di Monte Scala. Non c'è ancora la ferrovia, realizzata nel 1908, e nemmeno la chiesa, costruita nel 1913-14.

104946
Campocologno

Campocologno

Vista da sud su Campocologno. In primo piano a sinistra la vecchia dogana svizzera. Al centro la vecchia centrale di Campocologno costruita dalla società idroelettrica Forze Motrici Brusio (ora Repower) nel 1906.

104949
Campocologno

Campocologno

Vista da sud su Campocologno. In primo piano a sinistra la vecchia dogana svizzera. Al centro la centrale idroelettrica costruita dalla società Forze Motrici Brusio (ora Repower) nel 1906.

104951
Campocologno

Campocologno

Vista da sud su Campocologno. In primo piano la nuova dogana svizzera. Dietro la  centrale idroelettrica di Campocologno costruita dalla società Forze Motrici Brusio (ora Repower) nel 1906.

104952
Campocologno con la centrale in costruzione

Campocologno con la centrale in costruzione

In primo piano la centrale idroelettrica di Campocologno della società Forze Motrici Brusio (ora Repower) in costruzione. Dietro, le prima case del paese.

101283
Centrale di Campocologno

Centrale di Campocologno

La vecchia centrale di Campocologno costruita dalla società idroelettrica Forze Motrici Brusio nel 1906. È la centrale ad alta pressione più alta d'Europa. Un'opera ingegneristica all'avanguardia. L'edificio è lungo 104 m, largo 17 m e alto 12,5 m. Ospita 12 turbine e generatori. Dietro  la centrale le condotte forzate che scendono dal bacino di Monte Scala.

104947
Centrale di Campocologno

Centrale di Campocologno

La vecchia centrale di Campocologno costruita dalla società idroelettrica Forze Motrici Brusio nel 1906. Sulla destra l'edificio dei trasformatori realizzato nel 1927-28 e dietro le condotte forzate che scendono dal bacino di Monte Scala.

104948
Centrale di Cavaglia

Centrale di Cavaglia

Costruzione della centrale idroelettrica della società Forze Motrici Brusio (ora Repower) a Cavaglia, in funzione dal 1927.

100816
Centrale idroelettrica Campocologno

Centrale idroelettrica Campocologno

Vista da sud su Campocologno. In primo piano la centrale idroelettrica della società Forze Motrici Brusio (ora Repower), a quei tempi la più grande centrale ad alta pressione d'Europa. Sulla sinistra la condotta forzata che parte da Monte Scala.

101776
Condotte forzate di Campocologno

Condotte forzate di Campocologno

Condotte forzate che dal bacino di Monte Scala convogliano l'acqua del lago di Poschiavo nella centrale di Campocologno della società idroelettrica Forze Motrici Brusio (ora Repower).

101778
Costruzione centrale Campocologno

Costruzione centrale Campocologno

Lavori di preparazione a sud di Campocologno, in vista della costruzione della prima centrale idroelettrica della società Forze Motrici Brusio (ora Repower).

101774
Costruzione centrale Campocologno

Costruzione centrale Campocologno

Lavori di preparazione a sud di Campocologno, in vista della costruzione della prima centrale idroelettrica della società Forze Motrici Brusio (ora Repower).

101775
Linea Caneo

Linea Caneo

Costruzione della linea ad alta tensione 220 kV, chiamata "linea Caneo", sopra la sponda sinistra del lago di Poschiavo. Operai dell'impresa edile di Elmo Casanova impegnati nella posa delle fondamenta dei tralicci.

100164
Linea Caneo

Linea Caneo

Costruzione della linea ad alta tensione 220 kV, chiamata "linea Caneo", sopra la sponda sinistra del lago di Poschiavo. Una teleferica trasporta materiale sui pendii impervi.

100165
Linea Caneo

Linea Caneo

Costruzione della linea ad alta tensione 220 kV, chiamata "linea Caneo", sopra la sponda sinistra del lago di Poschiavo. Una teleferica trasporta materiale sui pendii impervi.

100166
Linea Caneo

Linea Caneo

Costruzione della linea ad alta tensione 220 kV, chiamata "linea Caneo", sopra la sponda sinistra del lago di Poschiavo. Operai dell'impresa edile di Elmo Casanova  impegnati nella posa delle fondamenta dei tralicci.

100167
Linea Caneo

Linea Caneo

Costruzione della linea ad alta tensione 220 kV, chiamata "linea Caneo", sopra la sponda sinistra del lago di Poschiavo. Un operaio dell'impresa edile di Elmo Casanova al lavoro.

100168
[12  >>